HOME Articoli

Lo sai che? Infortunio sul lavoro per fatto di terzo: datore di lavoro non responsabile

Lo sai che? Pubblicato il 23 maggio 2013

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 23 maggio 2013

Il datore di lavoro non ha una responsabilità oggettiva per qualsiasi sinistro occorso al dipendente.

Se, mentre è al lavoro, il dipendente subisce un infortunio a causa di un illecito commesso da terzi, senza che il datore di lavoro ne abbia alcuna colpa, quest’ultimo non è tenuto a risarcirgli il danno biologico.

L’infortunio sul lavoro viene indennizzato dall’imprenditore salvo che questi dimostri di aver adottato ogni cautela per evitare il danno oppure che la lesione si è verificata per una causa a lui non imputabile.

Di conseguenza, se il danno è stato determinato dal fatto di un terzo, che costituisce un evento imprevedibile, e l’infortunato non riesce a dimostrare la colpa del datore in merito, alcun risarcimento è dovuto dall’azienda.

Lo ha ricordato la Cassazione che, con una recente sentenza [1], ha ritenuto non responsabile il datore di lavoro per le lesioni subite dal proprio dipendente mentre era alla guida dell’auto di servizio: in particolare, il lavoratore era stato aggredito da alcuni passanti.

Così, per esempio, anche in caso di rapina in banca, la responsabilità dell’istituto di credito scatta solo se, di fronte a ripetute denunce, il datore non provvede a installare adeguate misure di sicurezza.

La legge [2], dunque, non attribuisce al datore di lavoro una responsabilità oggettiva per qualsiasi causa di infortunio sul lavoro.

note

[1] Cass. sent. n. 12089 del 17.05.2013.

[2] Art. 2087 cod. civ.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI