HOME Articoli

News WannaCry, nuovo attacco del Ransomware

News Pubblicato il 15 maggio 2017

Articolo di

> News Pubblicato il 15 maggio 2017

Nuovo attacco Ransomware su vasta scala che ha colpito molti Pc a livello globale, tra cui numerosi ospedali in Gran Bretagna, aziende, enti e l’Università Bicocca di Milano.

Wannacry colpisce ancora. Il virus informatico che venerdì scorso ha messo Ko i computer di circa 200mila utenti in almeno 150 Paesi ha sferzato un nuovo attacco in Cina, con “centinaia di migliaia” di Pc infettati in 29.372 sedi di istituzioni cinesi, incluse quelle di agenzie del governo: università, ospedali e uffici della vasta burocrazia cinese.

Cos’è WannaCry

WannaCry (tradotto letteralmente come voglio piangere) è un virus informatico di tipo “ransomware”,un tipo di malware che limita l’accesso del dispositivo che infetta, richiedendo un riscatto (ransom in Inglese) da pagare per rimuovere la limitazione.

Ad esempio alcune forme di ransomware bloccano il sistema e intimano l’utente a pagare per sbloccare il sistema, altri invece cifrano i file dell’utente chiedendo di pagare per riportare i file cifrati in chiaro. Il malware si è diffuso molto rapidamente perché sfrutta una falla di sicurezza nel sistema di condivisione dei file di Windows, che ha permesso a WannaCry di infettare migliaia di computer senza il permesso da parte dei loro utenti. Il problema di sicurezza era noto a Microsoft, che aveva diffuso già a marzo gli aggiornamenti necessari per impedire che qualche malware la potesse sfruttare. Microsoft dice che l’attacco non riguarda Windows 10, la versione più recente del suo sistema operativo, ma è comunque sempre raccomandata qualche precauzione.

Anche il Giappone è finito nell’attacco globale: il colosso dell’hi-tech Hitachi ha reso noto di aver di aver rilevato diversi suoi computer con problemi all’invio e alla ricezione delle email. Anche altre compagnie nipponiche hanno avuto problemi, tra cui Nissan (presso gli impianti britannici) e il colosso ferroviario East Japan Railway. L’allarme di un nuovo possibile attacco era stato lanciato da MalwareTech, nickname del tecnico inglese che era riuscito ad arginare il virus venerdì scorso e  ora in molti Paesi regna il timore che l’attacco possa essere rinnovato a breve: allerta alta in Inghilterra, dove Ransomware Wannacry si è diffuso e che  i danni non sono stati limitati al sistema operativo Microsoft Windows Xp.

Cosa Fare se istallato

Se WannaCry ha preso il controllo dei dati del vostro computer, c’è un’alta probabilità che non ci sia più nulla da fare. Inoltre pagare il riscatto è altamente sconsigliabile, da un lato perché non ci sono garanzie che sia sufficiente per riottenere l’accesso ai vostri dati, dall’altro perché si potrebbero fornire altre informazioni sensibili sul proprio conto agli autori dell’attacco (senza contare che il pagamento farebbe da ulteriore incentivo per diffondere il ransomware ancora di più). La scelta consigliabile è formattare il computer e installare nuovamente Windows, ripartendo quindi da zero. Significa che, una volta installato il sistema operativo, dovrete reinstallare tutti i programmi che stavate utilizzando e trasferire poi i dati dal vostro backup. Si può anche provare con la funzione “Ripristino di sistema”, che porta Windows a uno stato precedente a quello in cui si è subita l’infezione, ma questa soluzione permette solo di eliminare il ransomware, ma non i suoi effetti sui dati, che potrebbero quindi continuare a essere criptati e inaccessibili.

WannaCry punta immediatamente ai propri file personali, che vengono resi illeggibili salvo il pagamento di un riscatto. Se però si fa periodicamente un backup dei propri dati, il problema viene enormemente ridimensionato, perché basta recuperare il più recente per avere nuovamente documenti, fotografie, video e il resto a disposizione.

note

Autore immagine: Google Immagini

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


CERCA CODICI ANNOTATI