HOME Articoli

Lo sai che? Rottamazione delle cartelle: proroga in arrivo?

Lo sai che? Pubblicato il 18 maggio 2017

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 18 maggio 2017

Ripescati 133 emendamenti dei circa 900 dichiarati inammissibili, tra cui la sanatoria per i dirigenti delle Agenzia delle Entrate decaduti e sui «nuovi» voucher.

Enrico Zanetti, segretario nazionale e deputato di Scelta Civica ha dichiarato che è stato ammesso un emendamento per riaprire i termini di rottamazione cartelle.

L’intervento non sarebbe privo di rischi: la possibile riapertura della rottamazione potrebbe difatti portare al fatto che gli 800mila contribuenti che hanno aderito possano rinunciare al pagamento delle 5 rate ora previste (tre nel 2018 e due nel 2019) e mettere così a rischio il gettito di 7,2 miliardi atteso dalla definizione agevolata.

L’ipotesi più sensata e proposta è di prorogare i termini fino a ottobre: allungare i tempi per saldare i debiti facendo leva su un dispositivo di 10 rate bimestrali con l’ultimo pagamento nel 2019.

133 emendamenti alla manovra

La discussione dei ricorsi in Commissione Bilancio ha portato e riprendere 133 emendamenti alla manovra dei circa 900 dichiarati inammissibili lunedì (leggete anche Addio alle monete da 1 e 2 centesimi…).

La prima a rientrare è l’introduzione della flat tax al 10% per i pensionati stranieri che decidono di trasferire la residenza in Italia, proprio a firma di Enrico Zanetti.

Tanti quindi i correttivi riammessi: quelli sulla cessione da parte dei soggetti incapienti dell’ecobonus per i condomini; quelli sull’estensione delle misure per le aree colpite dall’ultimo sisma anche alle zone che nei primi mesi del 2017 hanno patito la «gelata» di primavera; quelli sugli incentivi per l’acquisto di auto elettriche.

Misure alternative ai voucher

Con il trascorrere delle ore, diventa «calda»  anche la pista sulle misure alternative ai voucher (leggete al riguardo Lavoro: voucher sostituiti dal libretto familiare). Con i partiti della maggioranza che spingono per inserire nuove soluzioni nel maxi-decreto e la Cgil che fa subito muro minacciando iniziative di contrasto se dalla manovra usciranno norme che non sono in coerenza con l’intervento che ha abolito i voucher.

Sia Matteo Renzi che Paolo Gentiloni sono intenzionati a individuare strade alternative perché lo stesso Renzi ha dichiarato che «eliminare i voucher senza una soluzione alternativa sarebbe una follia».

I 133 emendamenti inammissibili vengono dunque ripescati e la strada per definire il testo definitivo della manovra sembra essere ancora lunga. Vi terremo aggiornati.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.

note

Autore immagine: Google Immagini

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


CERCA CODICI ANNOTATI