HOME Articoli

Lo sai che? Servizio civile: come riscattare i contributi per la pensione

Lo sai che? Pubblicato il 12 agosto 2017

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 12 agosto 2017

Riscattare il periodo di servizio civile nazionale ai fini pensionistici: costi da sostenere, modalità di presentazione della domanda, tutti i dettagli.

L’Inps, nella sua nuova circolare ha dichiarato che il periodo di tempo di servizio civile universale, può essere riscattato ai fini pensionistici ed i costi sono a carico dell’interessato.

Cos’è il servizio civile e cosa comporta?

Il servizio civile è un’attività di volontariato che va dagli otto ai dodici mesi e si basa su specifici programmi da svolgere presso enti pubblici come il comune e associazioni artistiche, culturali, assistenziali o ambientali come la protezione civile. Ogni ente partecipa dunque ad un progetto diverso. Questo rapporto di volontariato tra i giovani selezionati dall’ente e la Presidenza del Consiglio dei ministri non viene considerato un lavoro subordinato e non comporta perciò la sospensione e cancellazione dalle liste di collocamento e di mobilità.

Al volontario vengono rimborsate le spese con un basso compenso sul quale non si pagano tasse e contributi.

I requisiti per fare il Servizio Civile Nazionale

Per poter partecipare al bando di ammissione al Servizio Civile Nazionale bisogna avere un’età compresa tra i diciotto e i ventotto anni e bisogna essere disoccupati o inoccupati. I giovani non devono avere condanne:

  • alla pena di reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo;
  • alla pena di reclusione per delitto alla persona, o atti illeciti di armi o materie esplosive;
  • per il favoreggiamento di gruppi terroristici o di criminalità organizzata.

Per partecipare bisogna essere cittadini italiano o extracomunitari con il permesso di soggiorno.

Al termine dello svolgimento di servizio civile viene rilasciato al volontario un attestato, contenente le attività svolte ed il periodo effettuato, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

I contributi generati dal Servizio Civile Nazionale

I contributi generati nel periodo di prestazione del Servizio Civile Nazionale (csì come accade per il riscatto dei contributi relativi al periodo trascorso nella leva obbligatoria Riscatto gratuito contributi servizio militare: ecco come) sono riscattabili.

Al volontario è permesso riscattare il periodo di servizio civile se è iscritto:

  • al fondo pensioni lavoratori dipendenti;
  • alle gestioni speciali di lavoratori autonomi;
  • ai fondi dell’assicurazione generale obbligatoria;
  • alla gestione separata.

Il periodo è riscattabile solamente se non risulta già coperto da contribuzione.

Quanto costa riscattare il Servizio Civile Nazionale

Gli oneri vengono determinati con il meccanismo del “calcolo percentuale” e si deve considerare:

  • la retribuzione dei dodici mesi antecedenti alla domanda di riscatto;
  • i mesi da riscattare
  • l’aliquota contributiva valida al momento del riscatto (attualmente del 33%)

I costi devono essere versati nei regimi previdenziali di appartenenza in un’unica rata o altrimenti fino ad un massimo di 120 rate mensili (10 anni) senza interessi aggiuntivi.

La domanda di riscatto dei contributi

La domanda per il riscatto contributivo può essere presentata in qualsiasi momento, è facoltativa ed il volontario può riscattare anche solamente una parte del periodo effettuato.

La domanda deve essere presentata per via telematica sul sito dell’Inps (Prestazioni e servizi – tutti i servizi – riscatto  di periodi contributivi).

Per coloro che sono iscritti alle gestioni dei dipendenti pubblici il servizio è accessibile selezionando:

  1. Prestazioni e servizi;
  2. Tutti i servizi;
  3. Gestione dipendenti pubblici;
  4. Servizi per Lavoratori e Pensionati.

Alla domanda bisogna allegare un’autocertificazione che attesta:

  • il periodo di servizio effettuato;
  • i requisiti richiesti dalla normativa;
  • il progetto di servizio civile approvato;
  • l’ente dove è stata svolta l’attività di servizio civile.
Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


CERCA CODICI ANNOTATI