HOME Articoli

Lo sai che? Multe, tasse e tributi: cosa cambia con PagoPa?

Lo sai che? Pubblicato il 6 giugno 2018

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 6 giugno 2018

PagoPa è la piattaforma che consente il pagamento di bollette, tasse, multe e molto altro direttamente dal pc

La fila agli uffici postali o agli sportelli bancari sembra storia di un’altra epoca. Multe, bollette, imposte, rette associative, bolli, utenze, tasse e altro si possono pagare online con PagoPa. Ma come si fa? Vediamolo insieme.

Cos’è PagoPa?

PagoPa è il sistema della pubblica amministrazione – realizzato dall’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) in attuazione del Codice dell’amministrazione digitale [1] –   che consente di pagare in modo semplice e veloce i tributi (multe, mensa scolastica e altri servizi). Di fatto, dunque, è destinato ai  pagamenti in favore della Pubblica Amministrazione.

Il sistema di pagamenti elettronici PagoPa, infatti, consente a cittadini e imprese di effettuare qualsiasi pagamento verso le pubbliche amministrazioni e i gestori di servizi di pubblica utilità, attraverso i prestatori di servizi di pagamento e gli istituti di pagamento autorizzati e abilitati alla riscossione come banche, poste ed altri. I pagamenti effettuati presso questi soggetti vengono contabilizzati in tempo reale e l’ente creditore ha immediata visibilità dell’avvenuto pagamento. È certamente un sistema efficiente ed innovativo di gestione dei pagamenti elettronici ma non è un sito dove pagare, bensì una nuova modalità per eseguire presso i prestatori di servizi di pagamento aderenti i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione in modalità standardizzata. Sul sito dell’Agenzia per l’Italia digitale è possibile trovare l’elenco degli enti creditori che aderiscono al sistema PagoPa.

Perché PagoPa?

L’adesione al sistema PagoPa è obbligatoria per le PA [1], che sono obbligate ad offrire ai cittadini la possibilità di pagare elettronicamente e devono avvalersi della piattaforma tecnologica nazionale denominata Nodo dei Pagamenti. Sono, inoltre, obbligate ad aderire anche le società a controllo pubblico, escluse le società quotate e i gestori di pubblici servizi.

PagoPA: come avviene il pagamento?

Il pagamento online dei bollettini relativi a tasse, multe e tributi in genere è certamente comodo ma è anche semplice da effettuare. È sufficiente selezionare uno dei soggetti autorizzati ad effettuare il servizio di pagamento (come ad esempio una banca) e procedere con il versamento, scegliendo uno dei canali a disposizione. Questi canali, a loro volta, possono essere rappresentati da un conto web, un Atm o un dispositivo mobile. Tra i vantaggi di questo sistema vi è certamente quello di poter conoscere in anticipo il costo dell’operazione da effettuare. Inoltre, una volta terminata l’operazione di pagamento, l’utente riceve una ricevuta che ha valore liberatorio e che può essere utilizzata come attestazione dell’avvenuto versamento.

PagoPA: cosa si può pagare?

Il servizio di pagamento elettronico PagoPa viene utilizzato sempre più spesso dalle pubbliche amministrazioni, dai privati e dalle aziende per riscuotere somme più o meno ingenti da parte dei propri debitori. PagoPa permette di pagare tributi, tasse, utenze, rette, quote associative, bolli e qualsiasi altro tipo di pagamento verso le pubbliche amministrazioni centrali e locali, ma anche verso altri soggetti, come le aziende a partecipazione pubblica, le scuole, le università, le Asl. La sua diffusione, oltre che per l’indubbia comodità, è dovuta anche ai vantaggi assicurati agli enti beneficiari dei pagamenti, a cominciare da una maggiore sicurezza ed affidabilità nei versamenti. Le pubbliche amministrazioni in particolare possono godere di una riduzione delle spese dei processi interni, grazie alla standardizzazione ed alla digitalizzazione dei servizi.

Inoltre, in alcuni casi, oltre al tempo e la fatica, con il sistema di pagamento Pagopa si risparmia anche del denaro, come nel caso del bollo auto il cui pagamento online con PagoPa consente di risparmiare i costi della commissione di incasso.

Come sapere se un’amministrazione ha aderito a PagoPa?

Le Pubbliche Amministrazioni che hanno aderito al servizio PagoPa, espongo sul proprio sito web il logo ufficiale del servizio, rendendo così nota all’utente la possibilità di pagare attraverso la piattaforma digitale.

 

note

[1] e del D. L. n. 179/2012.

[1] Sancito dall’art. 5 del CAD (Codice dell’Amministrazione Digitale) e dall’articolo 15, comma 5bis, del D.L. 179/2012,

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


CERCA CODICI ANNOTATI