HOME Articoli

Lo sai che? Autovelox: multe nulle se il verbale non indica la taratura

Lo sai che? Pubblicato il 9 marzo 2018

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 9 marzo 2018

Se l’autovelox non è stato tarato o l’avvenuta taratura non è indicata nel verbale la multa è nulla. Addio, dunque, alle multe per eccesso di velocità se il verbale non riporta l’avvenuta taratura dell’autovelox

D’ora in poi chi riceve una multa per eccesso di velocità farebbe bene a leggere con molta più attenzione il relativo verbale di accertamento. Ciò in quanto se nel verbale non c’è alcuna indicazione in ordine all’intervenuta taratura dell’apparecchio che ha rilevato l’infrazione, vale a dire l’autovelox, la multa è nulla e, pertanto, non dovrà essere pagata. Addio, dunque, alle multe per eccesso di velocità se il verbale non riporta l’avvenuta taratura dell’autovelox.

Ad affermarlo è stata la Corte di Cassazione con una recentissima pronuncia [1]. Detta pronuncia, a ben vedere, è al quanto rivoluzionaria e scuote fortemente le regole sulle contravvenzioni stradali per eccesso di velocità. Spieghiamo perché.

Autovelox non sottoposto a taratura: multe nulle

Se a  segnalare il limite di velocità è un autovelox non sottoposto a taratura periodica, la relativa sanzione amministrativa dovrà essere annullata. Di fatti, l’assenza di verifiche periodiche di taratura e funzionamento può compromettere e pregiudicare l’affidabilità degli autovelox. Dunque, chi riceve una multa per eccesso di velocità dovrebbe essere messo nelle condizioni di sapere quando l’adempimento di taratura è stato eseguito. Come? Attraverso l’indicazione dell’avvenuto adempimento di taratura nel verbale di accertamento dell’infrazione. In mancanza, la multa è nulla e non dovrà essere pagata. Attenzione, quindi, la multa non sarà nulla solo nel caso in cui l’autovelox non sia stato sottoposto a taratura periodica, ma anche se di tale adempimento non si faccia menzione nel verbale di accertamento dell’infrazione.

Ciò premesso, vediamo più nel dettaglio cos’ha detto in proposito la Corte di Cassazione.

Autovelox: niente multa se il verbale non indica la taratura

Dopo la rivoluzionaria sentenza del 2015 della Corte Costituzionale [2] che ha dichiarato illegittime tutte le multe con autovelox non sottoposti a revisione annuale (ossia la «taratura»), arriva ora una sentenza della Corte di Cassazione a scuotere ulteriormente le regole sulle contravvenzioni stradali per eccesso di velocità. La Cassazione, nell’agganciarsi a quanto detto nel 2015 dalla Corte Costituzionale, ha appena aggiunto un ulteriore tassello: non basta che l’apparecchio sia stato sottoposto a controllo periodico, ma di ciò deve essere dato atto anche nel verbale. Quindi, occhio al verbale: se il verbale non riporta l’avvenuta taratura dell’autovelox la multa è nulla. Ciò in quanto non deve essere il cittadino, una volta ricevuta la contravvenzione, a doversi informare se l’apparecchio che lo ha fotografato era o meno a norma di legge; è invece compito degli agenti documentare che le operazioni di revisione siano state fatte meno di un anno prima.

Ciò posto, chi ha ricevuto una multa per eccesso di velocità farebbe bene a controllare se nel relativo verbale sia o meno indicato l’avvenuto adempimento di taratura dell’autovelox che rende lo stesso affidabile per il rilevamento dell’eventuale infrazione commessa. In mancanza, la sanzione amministrativa irrogata per eccesso di velocità è da annullare.

Sul punto si sottolinea nuovamente che non solo è indispensabile il controllo periodico dell’apparecchio che rivela le infrazioni al Codice della Strada, ma è altresì necessario che nel verbale sia indicato l’avvenuto adempimento di taratura che rende, di conseguenza, affidabile il rilevamento dell’autovelox.

Ztl: multe nulle se non c’è omologazione

Analogo discorso vale per quanto concerne l’occhio elettronico Ztl. Qui, però si parla più precisamente di omologazione. In effetti, anche l’accertamento delle infrazioni rilevate nelle zone a traffico limitato devono essere necessariamente accertate con macchinari omologati e gestiti da società a ciò autorizzate. Diversamente, la multa può essere tranquillamente “accartocciata” dall’automobilista. Per maggiori approfondimenti, leggi anche: Autovelox non tarato e Ztl non omologate: multe tutte nulle.

note

[1] Cass. ord. n. 5227 del 06.03.2018.

[2] C. Cost. sent. n. 113/2015 che ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’articolo 45, comma 6, del codice della strada per contrasto con l’articolo 3 della Costituzione.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Chi ha già pagato una multa e il verbale non indicava la taratura può richiedere la restituzione del pagamento fatto? Buongiorno

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


CERCA CODICI ANNOTATI