HOME Articoli

Lo sai che? Bollo auto: esenzione per 3 anni

Lo sai che? Pubblicato il 25 aprile 2018

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 25 aprile 2018

La Regione Lombardia ha disposto l’esenzione dal pagamento del bollo auto per 3 anni per tutti coloro che acquisteranno un veicolo nuovo in sostituzione di uno vecchio ed inquinante

Come noto, l’esenzione dal pagamento del bollo auto è giustificata dal ricorrere di alcune circostanze che l’ordinamento ritiene di tutelare e/o incentivare. Ne abbiamo parlato in diverse occasioni e con riferimento a diverse situazioni (si legga in proposito Bollo auto ed esenzione per legge 104 e Bollo auto 2018: tutte le esenzioni).

In particolare, l’incentivo all’acquisto di veicoli ecologici o elettrici e la rottamazione di quelli inquinanti sono i motivi che hanno portato la Regione Lombardia a lanciare l’iniziativa di esentare dal pagamento del bollo auto tutti coloro che rottameranno la propria vecchia auto in cambio di una a basse emissioni. Vediamo nel dettaglio in cosa consiste la proposta di esenzione del bollo auto per 3 anni. 

Bollo auto: esenzione per 3 anni

La notizia dell’esenzione del bollo auto per 3 anni proposta dalla Regione Lombardia è stata accolta con molto entusiasmo dagli automobilisti. La novità dell’esenzione bollo auto e del relativo pagamento per tre anni riguarda chi rottama un vecchio veicolo inquinante e lo sostituisce con uno nuovo a basse emissioni.

Nel dettaglio l’iniziativa prevede che le automobili ad uso privato di cilindrata non superiore a 2000 cc acquistate nell’anno 2018 ed appartenenti alle classi Euro 5 e 6 a benzina, sono esenti dal pagamento del bollo purché nel medesimo anno sia sia provveduto alla demolizione di un veicolo appartenente alla classe di inquinamento Euro 0, 1 se alimentato a benzina oppure Euro 0, 1, 2, 3 se a gasolio. 

L’esenzione triennale dal pagamento del bollo è riconosciuta se il veicolo rottamato è di proprietà dell’acquirente o dei componenti del suo nucleo familiare. L’esenzione triennale è riconosciuta anche in caso di veicolo in regime di locazione finanziaria, ossia in leasing.

La Regione Lombardia, inoltre, ha pensato anche al contributo di 90 euro in favore di coloro che optano per la demolizione del vecchio veicolo inquinante anche senza l’acquisto di un nuovo veicolo ecologico.

Bollo auto 2018: esenzione auto ecologiche

L’esenzione dal pagamento del bollo auto per incentivare l’acquisto di veicoli meno inquinanti in realtà è trasversale a tutte le regioni italiane. Infatti, per le auto ecologiche sono state pensate importanti misure di incentivazione: così le emissioni si riducono e le spese di gestione del veicolo pure.

Infatti, gli autoveicoli, i motocicli e i ciclomotori a 2, 3 o 4 ruote, azionati con motore elettrico sono totalmente esenti dal pagamento del bollo auto per 5 anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione del veicolo. Alla fine di questo periodo di agevolazione, va pagata una tassa automobilistica pari a 1/4 dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina, mentre per i motocicli ed i ciclomotori il bollo va pagato in misura intera. Le autovetture e gli autoveicoli a GPL o gas metano, pagano 1/4 della tassa automobilistica prevista per i corrispondenti veicoli a benzina.

Bollo auto 2018: veicoli ibridi

La legge nazionale non equipara le vetture ibride con doppia alimentazione benzina/elettrica, gasolio/elettrica o benzina/idrogeno a quelle elettriche e per questo i vantaggi e le esenzioni cambiano da Regione a Regione. Attualmente dieci Regioni e le due Province autonome prevedono agevolazioni/esenzioni anche per i veicoli ibridi, modulate diversamente.

Le Regioni che attualmente prevedono queste agevolazioni sul pagamento del bollo auto sono:

  • Campania;
  • Lazio;
  • Emilia Romagna;
  • Liguria;
  • Marche;
  • Lombardia;
  • Piemonte;
  • Puglia;
  • Valle d’Aosta;
  • Veneto;
  • Trento;
  • Bolzano.

Decorso il periodo di esenzione (che generalmente è di tre anni), i veicoli con alimentazione esclusiva a metano o a gpl dovranno pagare il bollo auto ridotto del 75%, mentre i veicoli con alimentazione doppia o ibrida dovranno pagare per intero il bollo auto.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


CERCA CODICI ANNOTATI