HOME Articoli

Lo sai che? Irpef 2018: come funziona

Lo sai che? Pubblicato il 22 maggio 2018

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 22 maggio 2018

Imposta sul reddito delle persone fisiche: vediamo come funziona e quali sono le aliquote e gli scaglioni di reddito per 2018

L’Irpef, vale a dire l’imposta sul reddito delle persone fisiche è  una tassa  che si paga sui redditi e costituisce una delle principali fonti di entrate per le casse dello Stato. L’Irpef è un’imposta, diretta, personale e progressiva sui redditi, ovverosia calcolata in base al reddito percepito dal contribuente nell’anno precedente. L’Irpef, infatti, ha come periodo d’imposta l’anno solare (dal 1°gennaio al 31 dicembre). Più nel dettaglio: per i lavoratori subordinati, con un contratto di lavoro a tempo determinato o indeterminato, il prelievo dell’Irpef è alla fonte, ovverosia prelevato mensilmente direttamente dalla busta paga; lo stesso dicasi per i pensionati, mentre il lavoratore autonomo ogni anno, in sede di dichiarazione dei redditi, andrà a pagare l’imposta calcolata in maniera progressiva. Come anticipato, infatti, l’Irpef è un’imposta progressiva per scaglioni aggiuntivi con un’aliquota che va dal 23% al 43% in funzione del reddito maturato e conseguito nel corso dell’anno precedente. L’ultima revisione Irpef è quella avvenuta con la Finanziaria 2007, quando sono stati definiti cinque scaglioni di applicazione dell’Irpef, e cinque corrispondenti percentuali di applicazione dell’imposta. Vediamoli insieme.

Primo scaglione Irpef: Reddito tra 0 e 15.000 euro

Il primo scaglione Irpef riguarda i contribuenti con un reddito compreso tra 0 euro e 15.000 euro. In questo caso l’aliquota Irpef è del 23%, che corrisponde – nel caso di massimo reddito per questa fascia – ad una tassazione di 3.450 euro. Facendo un rapido calcolo, nella prima fascia sono ricompresi tutti i lavoratori che percepiscono un reddito non superiore a 1.250 euro.

Secondo scaglione Irpef: Reddito tra 15.001 e 28.000 euro

Il secondo scaglione riguarda i contribuenti con un reddito ricompreso tra 15.001 euro e 28.000 euro. L’aliquota riservata a questa fascia è del 27%, con una tassazione – nel caso di reddito più alto – di 6.960 euro. Sono rappresentati da tale categoria le persone con reddito mensile non superiore a 2.335 euro. È importante evidenziare che a partire dal secondo scaglione in poi, si applica l’aliquota successiva solo per la parte eccedente di reddito. 

Terzo scaglione: Reddito tra 28.001 e 55.000 euro

E’ quello compreso tra 28.001 euro e 55.000 euro, per contribuenti con un reddito massimo di 4.583 euro. L’aliquota Irpef è fissata al 38% sulla soglia eccedente la seconda. Ciò significa che si applica il 38% solo per la quota di reddito che supera i 28mila euro, ai quali si applica l’aliquota precedente del 27%. In questo caso, la quota Irpef sarà pari a 17.220 euro in caso di reddito più alto.

Quarto scaglione: Reddito tra 55.001 e 75.000 euro

Coinvolge tutti i contribuenti con un reddito che va dai 55.001 euro ai 75.000 euro e che, quindi, presentano un reddito mensile non superiore a 6.250 euro. Per questi contribuenti, l’aliquota Irpef sulla quota eccedente il precedente scaglione è del 41% e di conseguenza l’onere fiscale più alto sarà pari a 25.420 euro.

Quinto scaglione:  Reddito sopra i 75.000 euro

L’ultimo scaglione riguarda i contribuenti che superano i 75.000 euro di reddito. Per il quinto ed ultimo scaglione di reddito, l’aliquota Irpef è pari al 43%. I contribuenti “più rucchi”, che percepiscono un reddito annuo eccedente i 75 mila euro, ovvero oltre 6.250 euro mensili dovranno corrispondere 25.420 euro più il 43% sul reddito eccedente.

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


CERCA CODICI ANNOTATI