HOME Articoli

Lo sai che? Quanti raccomandati ci sono in Italia?

Lo sai che? Pubblicato il 21 maggio 2018

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 21 maggio 2018

Giovani disoccupati: è vero che c’è la crisi, ma anche la pigrizia gioca la sua parte, così come le continue raccomandazioni di parenti e amici

Trovare un lavoro è difficile, soprattutto se si ambisce al mito  – tutto italiano –  del posto fisso. La strada verso un impiego appagante e redditizio è spesso in salita, poiché lastricata di studio, impegno, devozione, sacrifici, pazienza e, talvolta, anche amare delusioni. Si pensi ad un colloquio di lavoro, magari l’ennesimo, andato male; si pensi  a coloro che studiano una vita, ma non riescono a superare un concorso pubblico. Ecco che allora,  come spesso accade quando la strada si fa troppo lunga, si cerca una scorciatoia: la raccomandazione. Ecco che allora l’interrogativo sorge spontaneo: quanti raccomandati ci sono in Italia? A tanto risponderemo nel presente articolo. Vi avvisiamo sin d’ora che i dati non sono confortanti. 

Giovani disoccupati: qual è il problema? 

Prima di parlare di numeri e rispondere all’interrogativo che ci siamo posti, è importante soffermarsi su un altro aspetto: la pigrizia dei giovani. È vero c’è la crisi e sicuramente il mercato del lavoro è molto avaro di opportunità negli ultimi tempi. Prima di lamentarsi troppo, tuttavia, si tengano a mente i dati che seguono.

Ebbene, secondo i dati raccolti dall’Istat, solo 4 giovani disoccupati su 10, soprattutto laureati, sarebbero disponibili a trasferire per motivi di lavoro la propria residenza. Leggendo il dato da un altro punto di vista, tre giovani su cinque non sarebbero dunque disposti a cambiare casa per trovare lavoro. “A parità di istruzione, le maggiori disponibilità a traslocare, anche all’estero, si riscontrano in giovani provenienti da ambienti familiari culturalmente più elevati”, annota l’Istat.

Ora, vero è che anche trasferirsi implica costi e spese non indifferenti. I giovani d’oggi, tuttavia, preferiscono restare a casa, magari risparmiando; piuttosto che investire sul proprio futuro altrove.

Risultato:  6 giovani disoccupati su 10 non sono disposti a trasferirsi per trovare un lavoro. Quindi: meglio disoccupati, purché con mamma e papà.

Quanti raccomandati ci sono in Italia?

Un altro dato, tutt’altro che confortante, riguarda il numero di raccomandati, tant’è che l’Italia può tranquillamente definirsi come il Paese dei raccomandati, o meglio come il Paese dei figli di … (in senso buono eh, non fraintendete). In sostanza, è stato calcolato che 4 giovani su 10 trovano lavoro dopo una “raccomandazione” di parenti o amici. Dunque, non per merito; ma solo grazie all’aiuto da casa, “conoscenze in comune” o “segnalazioni” più o meno vincolanti da parte di parenti o amici. In una parola: raccomandazione.

L’altro lato della medaglia? I raccomandati non sono soddisfatti.

Secondo l’Istat “tra i laureati del 2011 occupati nel 2015 uno su tre ha trovato lavoro grazie all’inserzione su giornali o internet o l’invio del curriculum a datori di lavoro. Chi trova lavoro con canali formali dichiara una maggiore soddisfazione per l’impiego ottenuto”.

Chi non ha “faticato” per trovare un impiego invece dichiara spesso instabilità e soprattutto insoddisfazione.

Per trovare lavoro serve un’istruzione più bassa

Un altro dato inquietante? I giovani non hanno più fiducia nell’istruzione, poiché credono che studiare non serva praticamente a nulla. Spiga l’Istat: “il 41% dei diplomati e il 31,4% dei laureati dichiarano che per svolgere adeguatamente il proprio lavoro sarebbe sufficiente un più basso livello di istruzione rispetto a quello posseduto”. 

Quante donne lavorano in Italia?

Ecco la ciliegina sulla torta: l’occupazione femminile è salita negli ultimi tempi ed ha raggiunto quasi il 49%, mal’Italia è penultima nella classifica europea sulla quota delle donne che lavorano. In particolare, nel 2017 “per il quarto anno consecutivo” il tasso di occupazione generale cresce, attestandosi al 58%, “ma è ancora 0,7 punti percentuali sotto il livello del 2008 e lontano dalla media Ue”.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


CERCA CODICI ANNOTATI