HOME Articoli

Lo sai che? Il licenziamento nullo per vizi di forma, anche se impugnato, può essere rinnovato dal datore di lavoro

Lo sai che? Pubblicato il 20 marzo 2013

Articolo di

> Lo sai che? Pubblicato il 20 marzo 2013

Il licenziamento per vizio di forma può essere rinnovato anche se pende la causa sulla sua legittimità, purché siano adottate le modalità richieste dalla legge e in precedenza omesse.

Il datore di lavoro che ha intimato il licenziamento disciplinare al lavoratore, benché quest’ultimo abbia impugnato l’atto per vizi di forma, può, anche in corso la causa, rinnovare il medesimo licenziamento, per gli stessi motivi del primo provvedimento espulsivo. Dovrà soltanto stare ben attento a non commettere di nuovo gli stessi errori formali se non vuole che pure il secondo licenziamento venga di nuovo contestato in tribunale.

Lo ha stabilito la Cassazione in una sentenza pubblicata ieri [1].

Il licenziamento disciplinare per vizio di forma, dunque, può essere rinnovato sulla base delle stesse motivazioni, anche se la questione della validità del primo licenziamento sia ancora all’attenzione del tribunale.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter.
Scarica L’articolo in PDF

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI